marzo 18th , 2010 → 6:00 pm @

Mostra De Chirico a Palazzo Strozzi

In questa Pasqua 2010 a Firenze, non sono a dire e vero moltissime le grandi mostre in cartellone, ma senza dubbio una spicca per qualità e importanza: è il “ritorno” a Firenze di De Chirico .

De Chirico, Max Ernst, Magritte, Balthus – uno sguardo nell’invisibile
Palazzo Strozzi, Piazza Strozzi a Firenze – La mostra resterà aperta dal 26 febbraio al 18 luglio
Orario 9-20 tutti i giorni, giovedì 9-23; www.palazzostrozzi.org tel. 0552645155


La nuova mostra di De Chirico di Palazzo Strozzi a Firenze è dedicata a un movimento artistico italiano del Novecento che ha agito, forse per ultimo, in modo determinante sulla scena artistica internazionale.

De Chirico, Max Ernst, Magritte, Balthus – uno sguardo nell’invisibile è il titolo dell’esposizione, che con numerose opere ottenute anche grazie a prestiti internazionali, riporta la pittura metafisica “a casa”.

Fu infatti  a Firenze  nell’ottobre 1909 che in piazza Santa Croce un giovane Giorgio de Chirico ebbe l’intuizione del misterioso rapporto che c’è fra le cose che appaiono e il loro significato.

La mostra fiorentina, che mette in rapporto le opere del maestro con quelle di rappresentanti dei movimenti artistici europei da lui in qualche modo “scatenati” – Dada, surrealismo, Neue Sachlichkeit, Realismo Magico, offre al visitatore quadri di Giorgio Morandi, Carlo Carrà, René Magritte, Max Ernst, Balthus ma anche Arturo Nathan, Pierre Roy, Alberto Savinio e Niklaus Stoecklin rappresentanti del Realismo Magico.
Seguendo lo spirito della pittura metafisica, nelle sale di Palazzo Strozzi si gioca molto su un approccio psicologico e introspettivo, soprattutto nel percorso dedicato ai piccoli visitatori, percorso ormai sempre presente nelle esposizioni che vogliono aprire le porte alle famiglie.

Laboratori disponibili, quindi, per i più piccoli, sia in italiano che in inglese; sono previste due domeniche per le famiglie il 21 marzo e il 20 giugno.

In concomitanza con il Maggio Musicale Fiorentino all’interno di Palazzo Strozzi sarà esposta anche una selezione di disegni, che de Chirico realizzò nel 1933 per la prima edizione  festival musicale più famoso di Firenze e che potranno essere eccezionalmente visti dal pubblico dal 1° maggio al 22 giugno.

In abbinamento alla mostra si possono effettuare itinerari personalizzati, per scoprire l’arte del primo Novecento e le opere antiche che ispirarono De Chirico:
1) Mostra+Basilica e Museo dell’Opera di Santa Croce e Museo di Casa Buonarroti
2) Mostra+Museo Casa Rodolfo Siviero
3) Mostra+Galleria d’Arte Moderna
4) Mostra+Galleria dell’Accademia
Gli itinerari hanno una durata massima di tre ore e un costo di € 172,00 (esclusi i biglietti di ingresso) e sono a cura delle guide turistiche

Biglietti

Costo prevendita a biglietto (escluso scuole) € 1,10
Il biglietto può essere acquistato in anticipo alla data di visita. L’acquisto in prevendita dei biglietti è obbligatorio per i gruppi


Intero € 10,00

Ridotto € 8,50

Maggiori di 65 anni, gruppi organizzati min. 15 persone, studenti universitari,  diversamente abili, residenti a Firenze,  soci ACI, FAI, TCI, possessori biglietti o abbonamenti ATAF, possessori biglietto ferroviario, biglietto nazionale o internazionale per qualsiasi destinazione italiana, di biglietto Eurail Italy pass o di altro pass Trenitalia destinato alla clientela extraeuropea, dipendenti FS, possessori di Cartaviaggio, possessori biglietti Firenze Parcheggi

€ 8,00
Un adulto che accompagna almeno un minore, soci ARCI, COOP, possessori biglietti o abbonamenti Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, ORT- Orchestra della Toscana e teatri dell’Associazione Firenze dei Teatri

€ 7,50
Insegnanti con Card Edumusei

Vuoi prenotare i biglietti per le mostre e i principali musei fiorentini ed evitare le lunghe code del periodo pasquale?

CLICCA QUI !


Tags: ,

Una recensione → “ Mostra De Chirico a Palazzo Strozzi ”


  1. Alexandra

    8 annos ago

    Molto molto bella questa mostra – ne ho scritto una recensione qui (in inglese pero!): http://ow.ly/1fZ6v
    Ma sapete se il museo e’ aperto a Pasquetta?